Ispani, tra mari e monti

 

Ispani, tra mari e monti

 

 

Il Comune si erge tra mari e monti. La frazione Capitello è un paesetto disteso su una spiaggia sabbiosa, sovrastata dalla Torre Normanna. Ispani è un bel borgo medioevale, anch’esso sorto come riparo dagli attacchi saraceni su una verde collina dell’interno, che si apre sulla mirabile vista del Golfo di Policastro. Ma ancora più su vi è la graziosa frazione di San Cristoforo, un tempo chiamata Sant’Agata.

Da vedere la chiesa di San Nicola di Bari, eretta verso la fine del ‘300. Vi è custodita una scultura in malta e pietre, raffigurante la Vergine col Bambino.

Da non perdere la rassegna estiva “Ispani Jazz”.

 

FOLKLORE E MANIFESTAZIONI

 

  • Festività di Sant’Antonio di Padova (13 giugno)
  • Festività di San Cristoforo (luglio)
  • Festività di San Donato (7 agosto)
  • Festività di San Rocco (16 agosto)
  • Ispani Jazz (agosto).

 

STORIA

 

Le prime tracce documentate di popolazioni nel territorio comunale risalgono al periodo normanno.
Su una collina, nei pressi della frazione Capitello, detta oggi “Castellaro”, Ruggiero I, insieme al nipote Ruggiero d’Apulia, costruì un castello a partire dall’anno 1055.
Risale invece alla seconda metà del XVI sec. la testimonianza della presenza degli Aragonesi o, almeno, di guarnigioni di soldati. Su un’altra collina ancora oggi si erge una torre di avvistamento, costruita per prevenire gli assalti dei pirati Saraceni: infatti la gente fuggiva verso l’alto, arrampicandosi lungo le ripide colline ove oggi sorgono gli abitati di Ispani e la frazione San Cristoforo. Dalla fine del XVI secolo i Conti Carafa della Spina, fuggendo dalla vicina Policastro, infestata dalla malaria, si stabilirono nel borgo di Capitello.

Secondo un documento conservato presso l’Archivio di Stato di Napoli, datato 1746, Capitello aveva il rango di Borgo, ma Ispani e San Cristoforo non avevano diritto di città, Comune o Borgata e non potevano costruire fortificazioni per difendersi dalle razzie dei pirati. Per tale ragione gli abitanti costruivano le case in piccoli vani e una ridosso all’altra, per impedire il transito di carri lungo le vie. Pian piano anche Ispani e San Cristoforo accrebbero la propria popolazione tanto che nel 1780 Ispani fu eletta addirittura “Università”, cioè Municipalità, dal Governo borbonico di Napoli.

Con l’avvento del Regno d’Italia fu confermato capoluogo del comune e solo durante il periodo fascista, con la fusione dei comuni di Ispani e Santa Marina, fu Capitello la sede del Comune di Policastro.
I paesi di Ispani, Capitello e San Cristoforo (che acquisì il nome durante il lungo periodo della dominazione catalana nel Meridione) sono riuniti in un’unica entità amministrativa dalla nascita della Repubblica.

 

 

MONUMENTI E BELLEZZE NATURALI

 

 

  • Palazzo Carafa della Spina, oggi di proprietà delle Suore Elisabettine Bigie, di cui rimangono solo le mura perimetrali delimitanti il giardino, l’arco che consentiva il passaggio delle carrozze, una garitta per la guardia armata ed una lapide di marmo, che ammoniva con severità i pirati saraceni
  • Chiesa di San Cristoforo di nucleo cinquecentesco
  • Cappella di Santa Sofia, risalente agli inizi del XVII sec.
  • Chiesa di San Rocco
  • Cappella di San Donato al Monte
  • Resti del Castello normanno dell’XI sec.
  • Chiesa di San Ferdinando Re del XIX sec.
  • Cappella di Sant’Antonio di Padova
  • Torre costiera del ‘500 a Capitello
  • Chiesa di San Nicola di Bari, eretta verso la fine del ‘300. Vi è custodita una scultura in malta e pietre, raffigurante la Vergine col Bambino
  • Spiaggia sabbiosa di Capitello, sovrastata dalla Torre Normanna
  • Bosco Catena, con area attrezzata.

 

testi: Stefania Maffeo

 

Powered by StarNetwork S.r.l. - VAT ID 03079120659